Parodontologia

La parodontologia è una branca dell’Odontoiatria che studia i tessuti del parodonto (peri = attorno; odons = dente) e le patologie ad esso correlate. Il parodonto è costituito da:

  1. gengiva
  2. osso alveolare
  3. cemento radicolare(tessuto che ricopre la radice del dente)
  4. legamento parodontale

 

La parodontologia si occupa quindi dell’insieme dei tessuti molli (il legamento periodontale e la gengiva e duri (cemento e tessuto osseo alveolare) che circondano il dente e che assicurano la sua stabilità nell’arcata alveolare (in condizioni di salute). La parodontologia, si occupa anche delle malattie che interessano il parodonto, queste vengono chiamate genericamente malattie parodontali o parodontopatie piorrea:termine storico oggi ancora utilizzato nella popolazione). Esse sono le parodontiti e le gengiviti.

Si calcola che siano almeno dieci milioni gli italiani che soffrono di tali patologie dopo i trenta anni di età, ma anche nei giovani questa malattia può insorgere a causa della predisposizione genetica e/o condizioni anatomiche particolarmente sfavorevoli che portano ad una precoce perdita degli elementi. E’ necessario effettuare una visita di controllo quando si nota sanguinamento e arrossamento, gonfiore delle gengive, mobilità o migrazioni dentali e alitosi. Esistono differenti tipi di terapie: la prima è legata alla causa della malattia e cioè un’igiene orale sbagliata, che ha come obiettivo il controllo dell’infezione batterica per mezzo di una levigatura delle radici effettuata da un’igienista e una igiene orale corretta del paziente. Se questa terapia non chirurgica non riesce a ripristinare una situazione di salute gengivale, vi sono varie terapie chirurgiche che hanno come obiettivo finale la creazione di un sigillo gengivale fisiologico.

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo